Per non dimenticare

Considerate se questo è un uomo

che lavora nel fango

che non conosce pace

che lotta per un pezzo di pane [...]

Considerate se questa è una donna

senza capelli e senza nome

senza più forza di ricordare

vuoti gli occhi e freddo il grembo [...]

MEDITATE CHE QUESTO E' STATO

 

 

Questa mattina gli alunni della scuola primaria di Sant'Anna, guidati dalle riflessioni degli alunni di classe quinta, si sono ritrovati per un momento di commemorazione per non dimenticare i sogni infranti e le vite spezzate durante l'olocausto.

Tutti gli alunni hanno lasciato scritto in un biglietto ciò che li spaventa, ciò che fa loro paura, ciò che non vogliono più che accada, un colore che rappresenta qualcosa di brutto e tutti questi messaggi sono stati bruciati in un braciere che simboleggia il desiderio di eliminare gli orrori grandi e piccoli che attraversano le nostre vite.

Il silenzio che ha accompagnato questo gesto è stato molto più eloquente delle parole dette.

Il silenzio, il rispetto e l'attenzione dimostrata dai nostri ragazzi ci mostra quanto ancora ciò che è accaduto nei campi di concentramento sia qualcosa che fatichiamo a comprendere.

"Per non dimentare" sono parole che sentiamo ripetere spesso in questi giorni ma dobbiamo fare un piccolo sforzo e ripeterle ogni giorno insegnando il rispetto per l'altro e per la vita.

27 gennaio 1945 - 27 gennaio 2018

Per non dimenticare